Senza il lavoro ridotto, disoccupazione oltre il 20%

 Tratto dal website cdt.ch | 09.09.2020

Senza lo strumento del lavoro ridotto il tasso di disoccupazione in Svizzera avrebbe superato il 20% sulla scia della crisi del coronavirus. Lo ha affermato Boris Zürcher, direttore della divisione lavoro presso la Segreteria di Stato dell’economia (Seco).

In base a una stima molto approssimativa – ha spiegato in una teleconferenza l’alto funzionario commentando i nuovi dati sull’impiego pubblicati oggi – la quota dei senza lavoro sarebbe salita a «oltre il 10%» in marzo e a «più del 20%» in aprile, contro tassi ufficiali rispettivamente del 2,9% e del 3,3%. In giugno il dato sarebbe poi rientrato all’8% (3,2% il tasso Seco).

«Il lavoro ridotto ha contribuito enormemente a evitare che la disoccupazione esplodesse», ha sottolineato Zürcher. Ma – ha ammesso – ha anche ingoiato miliardi: 6,7 miliardi alla fine di agosto. In alcuni settori la quota della disoccupazione parziale rimane peraltro elevata: ad esempio in giugno era del 32% nel ramo alberghiero e della ristorazione, nonché del 20% nell’industria manifatturiera.

Stando al 56enne la tendenza è comunque verso un calo: questo è dimostrato anche dal numero di iscrizioni anticipate approvate. Chi ha fatto domanda di lavoro ridotto in marzo ha dovuto presentare una richiesta di proroga in agosto: per il mese di settembre lo strumento è stato approvato solo per 422’100 dipendenti, numero che corrisponde a circa l’8% degli occupati. Al culmine della crisi le autorizzazioni avevano riguardato 1,9 milioni di dipendenti.